Dinghy 12’
AICD Associazione Italiana Classe Dinghy 12’

Ranking, Campionati e Coppa Italia

2003

 

 

Trofeo AICD 2003
Nel 2003 il Trofeo AICD è stato assegnato al timoniere meglio classificato nelle sette regate nazionali (una per ciascuna delle cinque aree nelle quali sono ripartite le flotte dinghy sul territorio italiano, il Campionato Nazionale e il Trofeo Bombola d'Oro): Finale e Anzio (aprile), Portofino (maggio), Marciana Marina e Chioggia (giugno), Bellano (settembre), Palermo (ottobre).
Sono stati assegnati punti solo ai primi 20 classificati nella graduatoria finale di ogni regata.
La vittoria è stata conquistata da Giorgio Pizzarello, che ha preceduto Gaetano Allodi (primo dei Master) e Alfonso Postorino.
Sergio Michel è stato il primo classificato tra i timonieri di dinghy in legno.

Classifica_finale_trofeo_aicd_2003

 

 

Campionato Ligure 2003
Il Campionato della Liguria e' quello che, tradizionalmente, coinvolge il maggior numero di regatanti e le flotte piu' numerose.
Nel 2003 si è svolto su 7 regate, al termine di ognuna delle quali sono stati assegnati punti solo ai timonieri classificatisi nelle prime 20 posizioni.
Filippo Jannello si è classificato al primo posto, davanti a Vincenzo Penagini e Aldo Samele Acquaviva. Renato Lombardi è il primo dei Master; Liliana De Negri la prima tra i timonieri di dinghy in legno.
Oltre 40 i concorrenti.

Classifica_finale_campionato_ligure_2003

 

 

Campionato dei Laghi Prealpini 2003
Dopo ben 24 edizioni, il tradizionale "Campionato del Lario" – complice la nuova ripartizione in cinque grandi aree dei dinghysti italiani – è divenuto "Campionato dei Laghi Prealpini", e vi ha iscritto anche i timonieri del lago Maggiore, del lago di Garda e degli altri laghi minori settentrionali.
Nel 2003 il campionato è stato assegnato su 6 regate, per complessive 23 prove previste.
Ogni regatante ha ottenuto un punto per ogni avversario battuto nelle singole prove (oltre a un punto per la partecipazione) e la classifica finale è stata redatta in base ai dodici migliori risultati.
La vittoria finale è stata conquistata da Renzo Santini, che ha preceduto Giuseppe La Scala (primo dei "legni"), Massimo Re, Simone Sole, Elio Falzotti (primo dei Master) e altri 21 timonieri.

Classifica_finale_campionato_laghi_prealpini

 

 

Campionato del Tirreno  2003 
Il Campionato del Tirreno si e' disputato quest'anno sull'arco di 4 regate, tutte svoltesi nella stagione primaverile.
Per la classifica e' stato applicato il punteggio minimo su ogni prova, con la possibilita' di due scarti.
Vittorioso Giorgio Pizzarello, su Giorgio Sanzini (primo dei Master) e Carlo Cameli.
Giulio Alati primo tra i timonieri di dinghy in legno.

Classifica_finale_campionato_tirreno_2003
 

 

Campionato dell'Adriatico 2003
Il campionato dell'Adriatico è stato assegnato nel 2003 su sei regate, per complessive quattordici prove previste.
E' stato ad ogni regatante un punto per ogni avversario battuto nelle singole prove (oltre a un punto per la partecipazione) e la classifica finale è stata redatta in base agli otto migliori risultati.
Vincitore Sergio Blosi, che ha preceduto Andrea Pivanti e Daniele Brasa.
Sergio Michel è stato il primo dei Master e dei timonieri di dinghy in legno.
16 i partecipanti.

Classifica_finale_campionato_adriatico_2003

 

Campionato Siciliano 2003
Il Campionato Siciliano si svolge da molti anni nelle acque di Mondello e quest'anno è stato disputato su cinque regate, l'ultima delle quali quella nazionale del 17-19 ottobre 2003.
La classifica finale è stata redatta tenendo conto delle migliori sei prove nella serie di regate.
Il titolo di Campione Siciliano è stato assegnato a Vincenzo Saporito, del Circolo Vela Sicilia davanti a Vincenzo Brizzi e Giacomo Collura (ambedue del "Roggero di Lauria").
Primo dei Master lo straordinario Mario Catalano, 80 anni compiuti e una classe immortale.

 

Classifica_finale_campionato_siciliano_2003

 

 

Trofeto Dinghy Classico 2003
Il trofeo riservato ai timonieri di scafi in legno, di antica o recente costruzione ha visto nel 2003 la propria seconda edizione.
Sono state disputate due regate: la Coppa Riva a Bellano (il 5 e 6 luglio 2003: vittoria di Sergio Michel); il Trofeo Costaguta a Voltri (il 26 e 27 luglio 2003: vittoria di Fabio Mangione).
Vincitore del trofeo e' stato il concorrente che ha realizzato meno punti come somma delle singole prove: Liliana De Negri.
 

Classifica_finale_trofeo_dinghy_classico_2003

 

 

 

Campionato del Tigullio 2003
Il tradizionale Campionato del Tigullio si è svolto nel 2003, a S.Margherita Ligure, su sei regate (per dodici prove complessive), nei mesi tra giugno e settembre, ed e'stato aperto ai timonieri di tutti i circoli italiani.
Ben 37 i timonieri partecipanti e vittoria di Filippo Jannello davanti a Nicola Rainusso e Carlo Pizzarello


Filippo Jannello campione del 2003: quando gli assenti non hanno torto
"Avevo dato la parola: dovevo andare alla Spezia!"

Il precedente report sul campionato del Tigullio 2003 si chiudeva con la fatidica frase "sopra tutte le classifiche pende comunque l'ipoteca di Filippo". Ma, a conti ben fatti, la matematica lasciava ancora uno spiraglio a Nico "Barrichello" Rainusso, già secondo lo scorso anno e comunque in crescita (non dimentichiamo che nelle regate di inizio agosto aveva fatto un secondo e un terzo). Se ricordate anche quanto avevo scritto di Filippo, era evidente che un pignolo come lui non poteva saltare proprio l'ultima prova e lasciare Barrichello libero di tentare il colpaccio. Clamorosamente, invece, Filippo non si è presentato all'ultima decisiva prova del 7 settembre. Gomme a terra a causa del sapiente lancio di chiodi davanti al cancello di casa? Barrichello, regatante generoso e sempre corretto, non ricorrerebbe mai a questi mezzucci. Improrogabile impegno galante? Siete fuori strada. Filippo, neo-consigliere di classe, si era impegnato a partecipare alla regata organizzata in contemporanea alla Spezia, e non intendeva rimangiarsi la parola. Tanto di cappello.

Ma come è andata a finire? Giornata e vento ideale, dominio e doppietta e di Aldo Samele, Manzoli due volte secondo, due buoni terzi posti per Falck e Pier Caravaggi. Nico Barrichello non ce l'ha fatta e finisce argento per il secondo anno consecutivo. In assenza di una classifica ufficiale, ecco una classifica ufficiosa (fatta a mano, aspettatevi qualche possibile errore perché calcolare il punteggio su 13 prove, tre scarti e quasi 50 partecipanti non è uno scherzo) e una chiave interpretativa del campionato 2003.

1) Filippo Jannello. Il Renato Lombardi del terzo millennio. Non me ne voglia il Renato originale, che è ancora in piena e ottima attività, ma dal mio punto di vista il paragone regge sia per la cura nel preparare la barca che nel lavoro minuzioso per recuperare posizione su posizione in regata. Vedremo se alla lunga l'allievo supererà il maestro.

2) Nicola Rainusso. Trovatemi un regatante altrettanto gentile e sorridente, anche in una qualunque altra classe. Secondo nel 2002 e nel 2003, forse ha solo bisogno di dare qualche ritocco al Tre Civette e magari di bere al sacro Graal per puntare al titolo 2004. (PS il sacro Graal è la nuova vela magra, mitologico oggetto di culto e fanatica venerazione tra gli sfortunati velisti – e siamo in tanti – che ancora non la posseggono).

3) Carlo Pizzarello. Bronzo meritatissimo. Nonostante il numero velico ITA-1781 denunci chiaramente un Nauticalodi non più nuovissimo, Carlo è sempre nella parte sinistra della classifica. Scusate la citazione di Osvaldo Bagnoli. Risale a quando alla fine anni '80 alla domenica sportiva la classifica del campionato era divisa nella colonna di sinistra (che si giocava lo scudetto) e quella di destra (che si giocava la retrocessione). Adesso la classifica è fatta con le veline scosciate……bleah.

4) Aldo Samele. Scottato da Manzoli nelle regate di inizio campionato, si rifà alla grande dominando le regate di luglio e bruciando due volte Maurizio in chiusura. Da quando ha adottato il motto "meno regolazioni – più sensazioni" sembra ancora più veloce. In assenza del Re Leone, Aldo ormai non lo becca nessuno.

5) Francesco Bertolini. Abdico giustamente dal titolo a favore di velisti più veloci di me.

6) Andrea Mariotti. Il migliore in classifica della scuola CNR di Rapallo, da sottolineare la grande costanza e da notare un buon quarto posto di giornata nelle regate con vento di inizio agosto.

7) Pier Caravaggi. Dopo J24 e IMX-38, in due soli anni di apprendistato sale per la prima volta su un podio dinghy con un buon terzo nella regata di chiusura. 

8) Gianni Castellaro. Ormai sembra pronto anche lui per la parte sinistra della classifica, che ha iniziato a frequentare al campionato italiano e alla Coppa Alberti.

9) Elio Dondero. Presente a tutte (dico TUTTE) le prove, segno che ci crede e vuole imparare. Bravo!

10) Maurizio Manzoli. Classe e tecnica sono fuori discussione, ma quest'anno ha regatato poco. Peccato perché subito prima dell'Italiano dell'Elba sembrava pronto per puntare al solo risultato che in quel contesto gli manca……

11) Diego Zamorani. Campione del Tigullio 2001, e gran velista a tutto tondo. Quest'anno si è tolto delle belle soddisfazioni con il Ginger Tripp (incetta di coppe alle regate Pirelli IMS) e ha trascurato il dinghy.

12) Alessandro Agazzi. Parliamo dell'ultimo custode della mitica Marzia, il Patrone ITA-1660 che con Pinne Oneto ha vinto una impressionante serie di campionati Italiani. Una specie di Varenne della classe Dinghy, che Alessandro custodisce giustamente con cura e amorevoli attenzioni. In cambio Marzia lo porta volentieri a fare lunghe sgroppate da Santa Margherita a San Fruttuoso e ritorno.

Fuori classifica: Comitato di Regata. Dal mio punto di vista solo gran complimenti: Percorsi sempre ben posizionati (buona la scelta di avvantaggiare in partenza la boa quando il lato a terra è favorito, sempre ben messa la boa di bolina, giustamente lontana dal triangolo della morte davanti a Paraggi), grande flessibilità (volevate tre regate per allenarvi prima degli italiani: voilà tre regate!), e se c'è da dare un OCS a un velista di casa, nessun favore. Suggerimenti per il 2004: Visto che le prove massime di giornata sono passate da 2 a 3, si potrebbe pensare di aumentare da 3 a 4 il numero degli scarti.

Finalino: Forse non ve ne siete accorti, ma si è parlato di un gran bel campionato tra giugno e settembre con 46 partecipanti.

Francesco Bertolini

 
 
 

 ———————————————————————————————————————————————————————-

Campionati Invernali 2002 / 2003

———————————————————————————————————————————————————————-
 

Campionato Invernale di Anzio 2003
Il Campionato invernale di Anzio si e' disputato tra l'ottobre 2002 e il febbraio 2003 su 11 prove.
Promosso dalla flotta romana, e'tradizionalmente aperto a tutti i timonieri della classe.
La stagione ha visto vittorioso Giorgio Pizzarello.

Cronaca_campionato_invernale_anzio_2003