Dinghy 12’
AICD Associazione italiana Classe Dinghy 12’

News e Dinghy News

Archivio News

Tenuto a Torre del Lago il primo CD della Classe 2009.

(12/01/2009) 

Ospitato dal Centro Mankin, si è tenuto a Torre del Lago – il 10 gennaio scorso – il primo Consiglio Direttivo dell'anno.

Cliccando qui sotto potrete leggere il resoconto redatto dal Segretario.

 

Tenuto a Torre del Lago il primo CD della Classe 2009. 

(12/01/2009) 

Ospitato dal Centro Mankin, si è tenuto a Torre del Lago – il 10 gennaio scorso – il primo Consiglio Direttivo dell'anno.

Cliccando qui sotto potrete leggere il resoconto redatto dal Segretario. >>>

 

Cari amici tutti ,

sabato 10 scorso si è svolto a Torre del lago il primo C.D. dell’anno 2009 . Eccovi un resoconto abbastanza dettagliato !

Date le dimissioni di Roberto Armellin da Consigliere , è stata cooptata all’unanimità , in sua vece , Francesca Lodigiani , già Associata al C.D.

Il nuovo Consigliere continuerà ad occuparsi dei rapporti della Classe con la FIV , dello Statuto, di cui sono allo studio alcune modifiche , e della legalità in genere della Classe . Ringraziamo ovviamente Roberto Armellin per il grande lavoro svolto per la Classe durante l’anno 2008 ed anche negli anni precedenti ; Roberto comunque ci ha assicurato la sua collaborazione su qualsiasi questione o necessità che si presentasse, relativa alle sue ampie competenze.

Anche quest’anno le cose da fare non mancano di certo ed una suddivisione di compiti , sui vari argomenti , è stata praticata !

Carlo Cameli , oltre a fare il Tesoriere si dovrà sobbarcare il nuovo compito , previsto dal regolamento , di preparare ed inviare ai Cantieri le “targhette” di inizio costruzione di nuove imbarcazioni , non appena ricevute le comunicazioni dai Cantieri stessi !

Paco Rebaudi , affiancherà il Comitato tecnico nei gravosi e girovaganti controlli ai Cantieri , pendolamenti di nuove imbarcazioni , e quant’altro . Terminerà anche alcuni disegni in Cad di alcuni interni di imbarcazioni che sono pressoché finiti . 

 

 

Si è inoltre reso disponibile a far costruire dei “ganci” atti a non far uscire la deriva dal suo alloggiamento in caso di scuffia , ad un prezzo molto conveniente ( 30 euro la coppia ) , di cui tutti coloro che già non li possiedano , si dovranno munire , come da norme obbligatoriamente prescritte dal nuovo regolamento . Sarà quindi la Classe a venderli a chiunque ne farà richiesta .

Titti Carmagnani e Carlo Pizzarello , come ormai d’abitudine , si occuperanno di seguire l’organizzazione della “Bombola d’oro”, la nazionale di Rapallo , e del Salone della nautica di Genova . A proposito del Salone di Genova , per quest’anno , abbiamo previsto di prenderci uno spazio più ampio per poter esporre tutte le tipologie dei nostri Dinghy .

Maurizio Tirapani si occuperà del Calendario e dei contatti con i circoli organizzatori delle nazionali di quest’anno , accertandosi delle condizioni di ricevimento della Classe , affinchè queste siano consone alle nostre esigenti richieste .

Renzo Santini continuerà nella sua instancabile opera di ministro degli esteri ! Fra l’altro , colgo l’occasione per dirvi che nelle ultime ore mi sono arrivate notizie positive e rassicuranti dall’Olanda sulla questione dell’equiparazione delle nostre barche di legno con le loro ….ed addirittura una iniziale prossimo-futura apertura, anche sulle barche in VTR !!

 

Vincenzo Penagini , dopo l’immane lavoro svolto l’anno scorso , ci ha lasciato come Associato ! Merita riposo !

Lo ringraziamo tutti e comunque ci ha assicurato il suo supporto , in qualsiasi momento si rendesse necessario .

 

Come Associato Ubaldo Bruni continuerà nell’organizzazione della Classe nella Zona del Sud Italia , fra l’altro , quest’anno , avendo l’oneroso compito di collaborare con il Circolo Vela Sicilia , nell’accoglienza della Classe nel grande evento del Campionato Italiano a Mondello che si svolgerà in Giugno tra il 24 e il 28 .

 

Giuseppe La Scala continuerà ad occuparsi del Sito della Classe , della sezione “classici” , e cosa che sta già facendo , si sobbarcherà del difficile argomento di trovare Sponsors per la Classe !

 

 

Abbiamo individuato la data per il Dinghy Day : Genova , YCI , 21 Febbraio ( certa al 99% ) ! In quell’occasione ci sarà un nuovo consiglio direttivo ed un incontro tra noi , nel pomeriggio per parlare delle nostre eventuali questioni , ricevere suggerimenti e soprattutto discutere delle nostre proposte di modifiche allo Statuto . La data prescelta per l’Assemblea straordinaria che ratificherà tali modifiche sarà quella all’Assemblea di Classe che come sempre si svolge in occasione del Campionato Italiano , quest’anno a Mondello alla fine di Giugno .

Di tali ipotesi di modifiche abbiamo parlato sabato scorso in Consiglio ; presto manderò a tutti le “specifiche”.

 

Saranno predisposte in accordo con la Fiv , una o due giornate di aggiornamento per Stazzatori Dinghy , che dovrebbero tenersi a Torre del lago in data ancora da stabilire , comunque prossimamente.

 

Ringrazio quanti non hanno fatto mancare i contributi a Paolo Rastrelli , necessari perché lui continui a raccontarci mese per mese, la nostra storia con il Dinghy news ; vi esorto tutti a continuare così !

 

Per quanto mi riguarda , oltre a seguire da vicino tutti i lavori della Classe , come vi avevo promesso lo scorso anno , inizierò a scrivere “ il manuale del Dinghy” ! Questo sarà fatto in collaborazione con il grande Valentin Mankin e probabilmente Emanuele Tua che metterà a disposizione della Classe le sue note doti atletiche per filmati e foto dei suoi brillanti” movimenti in barca” !

 

Il Comitato tecnico avrà quest’anno , il compito più oneroso !

Nel nuovo regolamento sono stati inseriti nuovi “paletti”! Ora la Classe ha il dovere di controllare con rigore e frequenza che i nuovi dettami vegano messi in pratica e non restino parola morta scritta sulla carta ! Per questo motivo , il nostro Comitato Tecnico dovrà molto viaggiare : Pendolamenti di tutte le barche nuove all’atto della stazza che sarà effettuata da stazzatori abilitati che però dovranno prendere dimestichezza con la tecnica del pendolamento che Gian Pietro Pollesel insegnerà a ciascuno di loro.

Controlli frequenti nei Cantieri durante la costruzione delle nuove imbarcazioni . Controlli delle barche, alle regate nazionali . un lavoro meticoloso ma fondamentale , in questo anno ! I nuovi dettami regolamentari non devono essere disattesi , né dai Cantieri né da noi . Ricordo anche a tutti che entro la prima nazionale dovremo aver messo a norma la nostra imbarcazione ( nuovi segni di stazza sull’albero e sul timone , ganci per la deriva , ritenuta per la deriva in caso di scuffia , per non farla rientrare , riserve di galleggiamento di almeno 140 litri per quel tipo di barche in cui sono prescritti ed obbligatori , misure di sicurezza ecc. ; rileggere bene il regolamento ! ) .

 

 

E per ultimo , vorrei parlarvi di una questione che mi sta molto a cuore e che a mio parere è di fondamentale importanza per il futuro della nostra Classe , il perpetrarsi del suo successo , e la sua stessa sopravvivenza come “tale” !

Nelle nuove regole abbiamo cercato di fare in modo , e speriamo di esserci riusciti almeno in parte , di mantenere sullo stesso livello barche in VTR e barche di legno , allo scopo di continuare la tradizione dell’univocità della nostra barca : il Dinghy è uno ! …che sia in vtr o in legno , non sono ,ed a mio parere non devono essere, due classi quasi distinte !

Parlo di questo argomento perché , il recente rinnovato, auspicabile e giustificato successo del Dinghy di legno , temiamo possa portare a due filoni paralleli che però vivano e brillino di luce propria a discapito dell’univocità delDinghy . Credo che questo dobbiamo evitarlo !

Credo che sia assolutamente corretto aver dato lo stesso spazio nel calendario delle nazionali anche a regate “dedicate” solo a barche classiche ; molti sono i proprietari di un dinghy di legno ed essi hanno il diritto ad una propria attività specifica . Molti cominciano ad essere quelli che posseggono , sia un imbarcazione in vtr ed una in legno !

 

Quello che si vuole evitare è che ciascuno si faccia il suo “circuito”e basta! Il Dinghy è uno solo ed il più spesso possibile tutte le tipologie di Dinghy dovrebbero regatare insieme durante gli eventi sportivi nazionali e zonali . Il Consiglio direttivo sta mettendo a punto una serie di misure per stimolare questa” aggregazione” fra tutti noi ! ( lavorare sulle classifiche e studiare un modo di come formularle e presentarle , a fine giornata ed alla fine dell’evento , premiazioni delle prime 5 imbarcazioni in ogni regata Nazionale, ed altre ) . Insomma non si dovrà più sentire : “ sono arrivato 25° , 2° dei Legni , no….sono arrivato 2° dei legni , punto ! Sto pensando anche a “ partenze “separate” , in qualche occasione , punteggio della Coppa Italia Legni con inserite prove non scartabili in regate comuni vtr e legni ? Tante possono essere le soluzioni per raggiungere lo scopo ed attendo suggerimenti da tutti voi , in questo senso , per ottenere questo importante obiettivo della Classe ( insomma vedere in acqua in una regata dinghy moderni e dinghy classici insieme è bellissimo oltre ad essere una delle nostre carte vincenti ) : ilDinghy è uno solo , fatto con modalità di costruzione e materiali diversi. Se come credo , siete tutti d’accordo , lavoriamo su questo tutti insieme :sinergia centripeta !

Vi abbraccio tutti ed a presto a Genova per il Dinghy Day

 

Vostro Giorgio

 

Giorgio Pizzarello

Segretario AICD