Dinghy 12’
AICD Associazione Italiana Classe Dinghy 12’

Dinghy 12'

Il “vostro” Dinghy

l dinghy non e' solo una barca da regata.
Centinaia di armatori in Italia lo utilizzano per il semplice diporto a vela, da soli o in compagnia, e lo conducono, quando il vento cala anche a remi e a motore.
Ci sono poi – da sempre – gli amanti dell'avventura.

Raccontateci i vostri "raid" con il dinghy
Le straordinarie qualita' nautiche del dinghy hanno ispirato da sempre un suo uso…avventuroso.
Nel 1934 si svolgono a Napoli i "Littoriali" della Vela che vedono in gara sulla nostra deriva ben novanta concorrenti, giovani universitari provenienti da tutti gli atenei italiani.
E la cronaca riferisce di due studenti genovesi, Degli Esposti e Giaretti, che portarono a Napoli il loro dinghy compiendo la traversata a vela fin li' dal capoluogo ligure.
Nel 1937 altri avventurosi traversarono a vela da Venezia a Pola e da Milano (partendo dal Naviglio, e poi lungo il Ticino e il Po) sino a Trieste.
Nel 1938 la storia racconta di un raid Napoli – Roma (Isola Tiberina) e infine, dopo decenni di silenzio delle cronache, dell'impresa della flotta romagnola, che nel 2001 ha raggiunto Venezia da Ravenna.
Anche oggi, tra chi lo usa soprattutto per regatare e chi si diletta…di pesca alla traina a vela, vi sono quelli che durante le vacanze si "inventano" sul dinghy le imprese piu' impensabili.
Raccontatele al sito della classe che, rendendole note, testimoniera' della comune passione per il mare e per il gusto di percorrerlo in libertà.

_______________________________________________________________